Tu sei qui

Sei consigli per aiutare il candidato a rilassarsi durante il colloquio

Leggere un CV potrà essere un buon metodo per valutare le abilità e l'esperienza di un candidato, ma il processo del colloquio è la prima opportunità per misurare le sue abilità interpersonali e la sua idoneità per il ruolo. Se è nervoso, cercate di aiutare il candidato a rilassarsi, perché questo può peggiorare la sua prestazione generale e l'esperienza può rivelarsi imbarazzante per tutti quelli che sono coinvolti.

Ogni intervistatore vuole che le cose vadano bene. Aiutare il candidato a rilassarsi renderà il processo del colloquio più scorrevole e se tutto va bene produrrà un buon risultato.

Se state per tenere un colloquio, questi sei consigli dovrebbero aiutare il candidato a rilassarsi:

1.Pensate all'ambiente

La stanza in cui viene svolto il colloquio può dare al candidato un'idea dell'organizzazione. Per esempio se volete comunicare la vostra cultura d'impresa informale potreste provare a tenere il colloquio in un angolino di una caffetteria o in una zona relax. Ma ricordatevi che i colloqui devono restare privati, se c'è molto movimento attorno sia l'intervistatore che il candidato potrebbero distrarsi e ciò potrebbe non aiutare il candidato a rilassarsi.

2.Fate le presentazioni

Potreste aver già spiegato per telefono o e-mail al candidato chi incontrerà durante il colloquio, ma questo è il momento per spiegare più nel dettaglio il vostro ruolo nell'organizzazione, e ogni altro intervistatore dovrebbe fare lo stesso. Così il candidato sa esattamente con chi sta parlando e perché siete proprio voi a fargli il colloquio. Fare questo ha due vantaggi: spiegherete un po’ meglio come funziona la compagnia e darete un po’ di informazioni al candidato; questo farà sembrare il colloquio meno un interrogatorio e più un processo bidirezionale che consente di aiutare il candidato a rilassarsi.

3.Siate aperti e accoglienti

A volte gli intervistatori rischiano di risultare freddi nel tentativo di rappresentare la parte dell'azienda e ciò è in conflitto con l’aiutare il candidato a rilassarsi. Mantenersi professionali non significa essere poco amichevoli; in realtà riuscirete probabilmente a ottenere di più dal candidato se siete aperti nei suoi confronti e se è a proprio agio. Mostrate di essere accoglienti offrendogli qualcosa da bere o sorridendo quando lo salutate.

4.Siate incoraggianti

Non usate il vostro potere di intervistatore per provare a far sbagliare il candidato; dai suoi errori di nervosismo non imparerete come da una sua risposta calma e ragionata e non vi permetterà di aiutare il candidato a rilassarsi. Siate invece incoraggianti, penserà di poter parlare più liberamente e che siete effettivamente interessati a quello che sta dicendo. Preparatevi anche prima, in modo da conoscere le sue esperienze pregresse e da avere pronte delle domande pertinenti.

5.Siate chiari

Formulate le vostre domande in modo chiaro e fatene una alla volta. Se fate una domanda e non ricevete subito una risposta, riformulatela o spiegate cosa intendete per aiutare il candidato a rilassarsi. Dovreste anche valutare se i termini e le espressioni che usate regolarmente all'interno possono essere capiti da qualcuno esterno all’azienda.

6.Dopo il colloquio

Il vostro candidato potrebbe sentirsi ancora nervoso alla fine del colloquio, aiutare il candidato a rilassarsi anche in questa fase. Se è andato bene salutate con positività: fategli fare un giro veloce dell'ufficio e dategli qualche consiglio per le prossime fasi del processo di assunzione.

Per altri consigli su come condurre colloqui e assunzioni visitate il Centro per le aziende di Page Personnel.