Promuovere il benessere mentale e il work life balance nei luoghi di lavoro può avere delle conseguenze positive sull’intera azienda, dal momento che i disturbi d’ansia e depressione in alcuni paesi stanno notevolmente aumentando. 

L’Economics Foundation, un’organizzazione no profit che si pone l’obiettivo di costruire e fondare un’economia basata sulle persone e il pieno controllo sulla propria vita, ha selezionato cinque modi per migliorare il proprio benessere fisico e psicologico: 

Connessione sociale 

Un primo aspetto da considerare quando si desidera migliorare l’equilibrio fisico e psicologico è connessione: le relazioni sociali, in particolare in un periodo dominato dallo smart working, sono di vitale importanza per il nostro benessere.  

Quando si crea valore aggiunto - attraverso la crescita personale, offrendo la nostra comprensione o semplicemente portando un nuovo talento nel team - le persone si sentono valutate e apprezzate: portare contributi positivi, ci fa stare meglio e instaurare dei rapporti umani è una delle necessità fondamentali.  

Un grande esempio di promozione della relazione è smettere di scrivere email inutili e, invece, parlare personalmente un collega. L'interazione vis a vis, anche se breve, permette di vedere le espressioni del volto, sentire il tono di voce e permette una migliore comprensione di una situazione. Una delle ragioni per cui le email possono provocare disturbi d’ansia è perché, spesso, rappresentano una richiesta di tempo ed energia che possono distrarre dal vostro lavoro a portata di mano. Queste richieste, inoltre, possono accumularsi. 

Un ottimo metodo per attuare questo proposito può essere quello di controllare le mail in momenti precisi della giornata, non continuativi: essere un po’ meno connessi può aiutare a sentirsi più in sintonia con il mondo circostante e aiutare a mantenere uno status mentale positivo. Durante la prossima pausa caffè, si può cominciare la conversazione con un collega con cui si ha interagito poco negli ultimi tempi: chiedergli come è stato il fine settimana e state davvero ad ascoltare ciò che viene condiviso. Questi piccoli passi sul posto di lavoro possono aiutare a sentirvi meglio e migliorare il work life balance.  

Piccoli cambiamenti, grandi conseguenze 

Disturbi d’ansia e stress possono essere difficili da rimuovere dalla vita lavorativa, ma siamo tutti in grado di ridurre gli impatti diretti che subiamo. Infatti, se si accetta che ci siano dei giorni in cui ci si sente più stressati e sotto pressione rispetto ad altri, sarà più facile gestirli.  

Per migliorare nella gestione dello stress è opportuno cominciare dalla consapevolezza che  percepire preoccupazione e apprensione - in certe dimensioni - può essere del tutto fisiologico.  

Un buon esempio di gestione dello stress e ansia sul posto di lavoro consiste nel praticare (dentro e fuori dall'ufficio) attività fisica: se prendendo la metropolitana per raggiungere il lavoro, la si scopre affollata, si è assaliti dal cattivo umore e si inizia la giornata negativamente, è consigliato semplicemente scendere una fermata prima e camminare per il resto del tragitto per aumentare lo status mentale positivo. 

Lo studio sul tragitto casa-lavoro di Page Personnel ha rivelato come i pendolari di tutta Europa che fanno uso di una bicicletta o che vanno a lavorare a piedi, abbiano una minor quantità di stress durante gli spostamenti e di come arrivino in ufficio meno stressati di coloro che scelgono di prendere la macchina o i mezzi pubblici. 

Non volete utilizzare i mezzi pubblici? Nessun problema - prendete le scale per raggiungere il vostro piano, dedicate metà della vostra pausa pranzo per fare una passeggiata e prendere una boccata d'aria fresca e permettere alle endorfine di cambiare il vostro umore. Lavorare sul benessere mentale non richiede un drastico cambiamento nello stile di vita, ma alcuni piccoli e semplici passaggi possono fare la differenza. 

Diventare consapevole 

In un mondo frenetico in cui la fretta è la nuova normalità, può capitare di perdere di vista se stessi. La riflessione e la consapevolezza di sé aiutano a comprendere le emozioni e dà il tempo di affrontarle davvero.  

Alcuni studi hanno dimostrato che quando si è consapevoli di ciò che sta accadendo e del perché determinati eventi si verificano, si riesce a mantenere una visione d’insieme che aiuta a confermare le scelte compiute, aumentare la motivazione personale e potenziare la crescita personale e professionale. Daniel Siegel, psichiatra clinico, si è esposto sulla consapevolezza di sé: 

"Quando qualcuno è a conoscenza di come i sentimenti influenzano il ragionamento, il pensiero e la modalità di interazione con altre persone, ha la consapevolezza di sé. Si tratta di una componente di intelligenza emotiva. Sappiamo che ci sono circuiti nel cervello che permettono di essere a conoscenza del mondo mentale, che sono distinti dai circuiti che consentono di essere a conoscenza del mondo fisico." 

Dare a se stessi il tempo per essere più informati e auto-consapevoli sul proprio ragionamento, il pensiero e il modo di interagire con altre persone significa ritagliarsi il giusto spazio. Così, quando ci si trova in uno stato di benessere mentale e un work life balance, prendere una strada diversa per raggiungere il luogo di lavoro o sperimentare una nuova location per il pranzo, assaporare il momento e concedersi tempo per riflettere sulle cose possono essere piccoli grandi piacere.  

Del resto, può essere difficile vivere in un mondo costantemente connesso: praticare la consapevolezza nelle attività quotidiane è un ottimo modo per contribuire all’equilibrio tra lavoro e vita privata, favorire la crescita personale e migliorare nella gestione dello stress.  

Crescita personale continua 

Mentre la consapevolezza, la relazione con i colleghi e il clima aziendale e sono importanti per la nostra salute mentale, è fondamentale continuare a studiare e proseguire nel percorso di crescita personale e professionale.  

Dedicare il proprio tempo all’apprendimento, alimenta il senso di scopo nel mondo e, se si è in grado di applicare ciò che si è appreso in incontri, discussioni o nei nostri ruoli al lavoro, si percepisce una sensazione di appagamento e soddisfazione. Susan Wallace nel suo libro “Teaching, tutoring and training in the lifelong learning sector” ha osservato come l'apprendimento permanente possa portare ad un aumento della crescita personale e dell’autostima 
 
Investire nella propria crescita personale e crescita professionale non significa dover rimettersi sui libri o conseguire un’ulteriore qualifica: ci sono molti modi per imparare qualcosa di nuovo o ampliare la propria conoscenza con attività fai da te. Coltivare le proprie passioni aiuta non solo a mantenere il benessere fisico e psicologico, ma anche essere felice sul lavoro e ritrovare la motivazione al lavoro.  

Dipendenti e datori di lavoro collaborano per il cambiamento 

Mentre la salute mentale sta diventando sempre più diffusa nella società e nei luoghi di lavoro, dipendenti, dirigenti, direttori e amministratori delegati comprendono la necessità di avere a disposizioni strumenti e strategie adeguate per affrontare questi problemi. Il Talent Development manager è, ad esempio, in grado di riconoscere i segni premonitori di lavoratori in stress, ansia e depressione. 

Inoltre, PageGroup è una tra le prime aziende di recruitment a firmare un impegno nei confronti del benessere mentale. Il momento di cambiare è un'iniziativa guidata da un ente di beneficenza per la Malattia mentale Rethink. 450 altre aziende hanno seguito l'esempio e si sono impegnate a porre fine al taboo che circonda il tema della salute mentale, che porta alla realizzazione di un programma verso la sensibilizzazione dell'opinione pubblica, sviluppo della formazione e rimozione degli ostacoli per incoraggiare la conversazione positiva intorno salute mentale. In passato questi problemi angoscianti sarebbero passati inosservati e portavano a una carenza di produttività e assenteismo. 

I vantaggi del benessere mentale e fisico sulla produttività 

Le aziende che hanno investito per migliorare il benessere mentale e fisico dei propri collaboratori possono godere di numerosi vantaggi. Infatti, i lavoratori che hanno trovato il giusto bilanciamento da lavoro e vita privata, sono più rilassati e notano un aumento della creatività. Il work life balance consente di concentrarsi in maniera più duratura e costante sui progetti, grazie alla consapevolezza di avere a disposizione uno spazio proprio da dedicare alla propria persona o a coltivare i propri hobbies. Al tempo stesso, coloro che hanno avuto la possibilità di investire nella crescita personale o in corsi di crescita professionale, potranno mettere in atto quanto appreso sul posto di lavoro.  

La società è sempre più consapevole ed è conscia della necessità di dover creare uno spazio di lavoro e un clima aziendale che favorisca la crescita professionale senza compromettere il benessere fisico e mentale dei collaboratori. Accettando l’esistenza di problemi come i disturbi d’ansia, l’insoddisfazione lavorativa e la difficoltà di creare un equilibrio vita-lavoro (soprattutto in smart working) si può intervenire in maniera efficace.  

Per poter raggiungere questi obiettivi, i luoghi di lavoro saranno sottoposti a una conseguente trasformazione positiva, portando i dipendenti a realizzare un equilibrio tra lavoro e vita privata e con una determinazione più significativa sul posto di lavoro.  

Summary

Se stai cercando di migliorare e mantenere il tuo benessere mentale al lavoro, evitando stress, ansia e depressione ti sarà utile leggere i nostri 5 consigli: