In un colloquio di lavoro è ideale che il dialogo diventi una conversazione attiva, in modo che il giovane talento non si limiti solo ad annuire ma partecipi attivamente alla chiacchierata con l’intervistatore.

Ciò comprende anche l’opportunità di porre domande intelligenti durante il colloquio

A tale riguardo è opportuno prepararsi qualche domanda in anticipo. Fare domande intelligenti a colloquio dimostra all’intervistatore che siete interessati alla posizione e che avete preparato con attenzione il colloquio di lavoro.

È anche una mossa strategica fare domande intelligenti per il colloquio di lavoro

Volete sapere la pianificazione di progetti aziendali in modo da verificare in che misura potreste essere idonei.

Ecco le sette domande intelligenti per il colloquio di lavoro per migliorare le vostre capacità di gestire un colloquio e contribuire a distinguervi dagli altri candidati.

Cosa determina il “successo” in questo ruolo?

L’azienda vuole investire in una nuova assunzione e ci aspetta che il talento generi valore per l’organizzazione. Un modo per verificarlo è costituito dagli indicatori di performance (KPIs) e chiedere informazioni su tali indicatori è un ottimo modo per dimostrare la vostra volontà di crescere nella mansione e portare valore aggiunto.

Il mio profilo è in linea con l’azienda?

Chiedere un’opinione soggettiva dimostra apertura alle critiche costruttive, dato che, abitualmente, l’intervistatore sarà il responsabile. Avere un’idea dell’opinione che l’azienda ha di te è utile per definire tale rapporto e la domanda intelligente per il colloquio di lavoro, suggerisce anche all’intervistatore di come stai interpretando seriamente il lavoro in questione.

Quali sono le principali sfide del ruolo?

Questa è tra le domande intelligenti per il colloquio di lavoro che può spaventare di più ma presenta molti vantaggi:

  • La risposta è fondamentale
  • Se è immediata, diretta e positiva, accompagnata da una spiegazione, è un buon segno
  • In caso di esitazione è un campanello d’allarme.

In questo caso, non è l’intervistatore che sta valutando voi, bensì siete voi a valutare l’azienda. I candidati intelligenti vogliono essere al corrente delle sfide che l’incarico di lavoro comporta.

Quali obiettivi l’azienda si aspetta dal ruolo?

Dimostrate la vostra capacità di affrontare i problemi prima che insorgano. La risposta può mettere in luce il motivo per cui il ruolo è aperto e guidarvi lungo il percorso verso il successo.

Vi state vendendo come potenziale dipendente, per cui in questo modo dimostrate che siete un giocatore di squadra che vuole che i propri colleghi raggiungano livelli di eccellenza esattamente come lo volete voi.

In seguito al colloquio di lavoro, ci sono dettagli ceh vorrebbe approfondire sul mio profilo?

Chiedere a un intervistatore se sono presenti lacune nel proprio CV vi dà l’opportunità di ridimensionare dubbi, dimostra che siete in grado di accogliere le critiche costruttive e che siete intenzionati a migliorare – qualità inestimabili in qualsiasi dipendente.

Come evolverà il ruolo in futuro?

Chiedendo in che modo il ruolo si svilupperà a breve e medio termine dimostrate che intendete lavorare sodo fin da subito, ovvero ciò che tutti i datori di lavoro cercano. Se il vostro ruolo è temporaneo o ad interim, dimostrate così la vostra visione per il futuro e fate sapere al datore di lavoro che vorreste rimanere.

Vi dà anche l’opportunità di essere preparati per la prossima ricerca internamente o esternamente. Fate tuttavia attenzione a non formulare la domanda in modo da apparire egocentrici. Ad esempio, evitate di esprimere aspettative riguardo a una promozione o un aumento di stipendio.

Come descriverebbe la cultura aziendale?

Chiedere informazioni riguardo a dress-code, eventi sociali, orario della pausa pranzo e perfino se l’azienda si considera una ‘start-up’ o un’impresa avviata nel proprio settore. Questi aspetti di un’azienda sono importanti per instaurare relazioni durature e porre domande al riguardo dimostra che state cercando di immaginarvi all’interno dell’azienda.

Dimostrate inoltre che vi interessa adattarvi alla dinamica dell’intera azienda, non solo al vostro team.

Quali domande andrebbero evitate nel colloquio di lavoro?

Oltre alle domande da porre per fare buona impressione in un colloquio di lavoro, esistono anche alcuni passi falsi da evitare. Uno di questi è chiedere il motivo per cui l’intervistatore ha deciso di convocarvi al colloquio. Conoscendo la descrizione delle mansioni richieste e avendo fatto ricerche sull’azienda, dovreste già sapere la risposta a questa domanda. In caso contrario, l’intervistatore avrà l’impressione che non sappiate il vostro valore professionale.

Le domande intelligenti per il colloquio di lavoro relative a promozioni, aumenti di stipendio e posti vacanti sono importanti ma se fatte troppo presto durante il processo del colloquio vi faranno apparire più interessati ai vantaggi che alla posizione lavorativa.

Utilizzate questi suggerimenti per prepararvi e fare una buona impressione al prossimo colloquio di lavoro. Approfondite anche tutti i nostri contenuti sulla crescita professionale per intraprendere una carriera di successo.

Summary

Fare domande intelligenti per il colloquio di lavoro porta il selezionatore a cogliere la motivazione per ottenere il lavoro. In questo articolo desideriamo condividere le domande intelligenti per il colloquio di lavoro così da agevolarvi nell'ottenimento del posto di lavoro a cui ambite. Ecco le domande intelligenti per il colloquio di lavoro.

Stai assumendo?

Vuoi raccontarci la tua esigenza?

Contattataci

In cerca di lavoro?

Trova le migliori opportunità sul nostro sito.

Candidati ora

Il tuo stipendio è in linea con il mercato?

Il nostro strumento di benchmark degli stipendi ti offre un'ampia fotografia degli stipendi per settore

Provalo